Chianti Colli Fiorentini DOCG: degustazione in una serata di inizio estate

Firenze offre molte opportunità per godere appieno delle belle serate estive e riesce sempre a mettere in luce le proprie risorse migliori, sia in termini di valorizzazione dei prodotti del proprio territorio, che di organizzazione di eventi ben strutturati e fruibili a tutti.

Martedì 22 giugno, presso una bella e storica location per la città –  Le Pavoniere, parco delle Cascine – si è tenuto l’evento organizzato dal Consorzio Chianti Colli Fiorentini.

Chi l’ha detto che i vini rossi non si apprezzano col caldo estivo? Basta degustarli ad una temperatura leggermente inferiore dei canonici 18 gradi consigliati, Chianti incluso, ed ecco che la piacevolezza del frutto e la grande bevibilità di questa denominazione danno il meglio di loro anche a bordo piscina, all’ora dell’aperitivo.

La serata, con inizio alle 19.00 circa, si è svolta presso la zona bar della location, a due passi dalla grande piscina ben nota ai fiorentini e non soltanto.

Il Presidente del Consorzio, Marco Ferretti, ha introdotto la serata e presentato l’evento alla platea

 

Due le “sessioni” che sono andate in scena qualche sera fa: una prima parte ha visto protagonista una degustazione guidata a cura di Leonardo Romanelli, stimato e conosciuto esperto di vino e comunicatore, nonché critico enogastronomico, sommelier e molto altro, raccontando ben 11 vini –  5 Chianti annata e 6 Riserva, proposti dalle aziende partecipanti:

Grande interesse e attenzione da parte del pubblico presente, composto da appassionati, addetti ai lavori, stampa di settore e blogger da tutta la Toscana.

L’entusiasmo e la dinamicità di Romanelli nel guidare gli assaggi e raccontare con parole fruibili a tutti – senza troppi tecnicismi ingessati, ma sempre  professionale e preciso – hanno tenuto vivo l’interesse dei partecipanti e dei produttori presenti.

Prima degli assaggi, ogni produttore ha raccontato brevemente la propria azienda ed il vino che si sarebbe andato a degustare. Una bella occasione per farsi conoscere anche in prima persona dal pubblico oltre che far parlare i propri vini. Cosa non sempre scontata perchè spesso, chi gestisce un’azienda vinicola, ha sempre tanti impegni che non gli consentono di dedicarsi anche a serate come questa. Un grande piacere associare ad un buon vino un viso che porta con sé tutta la competenza e l’impegno per mettere sul mercato un prodotto di livello, fonte di fatica e sacrificio costanti!

L’apprezzamento del pubblico è stato duplice, evidenziando nel Chianti annata un comune denominatore che caratterizza la tipologia, cioè un corpo medio e un grande equilibrio di bocca tra tannino e freschezza, dominata dal frutto.

Sulla Riserva, molti commenti positivi dati dalle diverse interpretazioni di ogni singola azienda, come a sottolineare un grande interesse nel voler dare un segno di riconoscibilità e la propria impronta ad un vino d’eccellenza.

Tutta la degustazione è stata supervisionata dall’attento e preciso servizio a cura dei Sommelier di Fisar Firenze.

La seconda parte dell’evento, invece, si è svolta dalle ore 20.30 circa in modalità “walk around” con i produttori  posizionati ai diversi desk di assaggio, offrendo anche altre tipologie di vini della loro produzione: IGT Toscana bianchi, rosati, rossi  e spumanti.

Inoltre, il pubblico ha potuto anche degustare un piatto freddo preparato dalla Chef del Ristorante de Le Pavoniere, per accompagnare gli assaggi dei vini durante la serata.

Questo evento ha visto protagoniste, oltre ai produttori, i propri vini, gli ospiti presenti, le persone in generale. Finalmente si è respirata una sensazione di “normalità” che ha regalato leggerezza e spensieratezza (pur sempre con le dovute, rigorose cautele e precauzioni previste in materia di prevenzione anti-Covid19).

Grazie al Consorzio Chianti Colli Fiorentini per la perfetta organizzazione e gestione dell’evento!

 

Sara Cintelli

Sara Cintelli

Fiorentina DOCG, nata e cresciuta a Firenze, dove ancora oggi vivo e lavoro. Amo il vino, per questo sono qui. E' diventata la mia professione. Ne scrivo, lo cerco e lo racconto, nella mia mai doma ricerca di stupore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti anche

Vuoi far crescere la tua attività nel wine business?